Cryptomnesia (2020)

Pivio

I dischi dell’espleta – ESP073

CD, digitale

 

Dalle note di Pivio: “Oggi è il 29 maggio 2020. Il 24 febbraio di quest’anno usciva Fahrenheit 999, il disco del ritorno discografico degli Scortilla, la band fondata da me assieme a Marco Odino, a 40 anni dal loro esordio su un palco. Mai titolo fu più profetico … nel giro di poche ore la situazione in Italia ed a seguire in tutto il mondo sarebbe precipitata in un baratro dal quale stiamo cercando di rialzarci con molta fatica. I seguenti due mesi e mezzo sono stati per me un vero incubo. Vedermi venire a mancare quella rete di contatti umani su cui ho sempre contato mi aveva creato un blocco artistico totale, cosa cui non ero affatto preparato. All’inizio ogni giorno provavo a buttare giù qualche idea musicale che veniva dopo poco regolarmente abortita. Questo fino a 15 giorni fa. Poi è successo improvvisamente qualcosa che non so spiegare, come se si fosse aperto il vaso di Pandora, lasciando uscire tutto il dolore provato, tutte le paure fisiche e psicologiche accumulate durante il cosidetto lockdown. Ed in 15 giorni ho scritto, suonato e mixato Cryptomnesia, il mio nuovo album solista. Fortunatamente in questo viaggio in nove canzoni ho ritrovato alcuni amici che mi hanno aiutato a rendere questo disco ancora più personale e potente: innanzitutto il mio compagno di giochi musicali (e non solo) Marco Odino che ha contribuito con i suoi testi a visualizzare i miei fantasmi; poi Massimo Trigona, bassista di grandissimo talento presente in Punished e The story that ends all stories, Gianpiero Lo Bello, sempre pronto donare magia con la sua tromba in Seclusion I wear; Roberto Piga e Luca Pirondini, rispettivamente violino e viola in Mask; e Shankar, il segno più etnico presente in Cryptomnesia. E devo ovviamente ringraziare Dario D’Alessandro degli Homunculus Res grazie al quale, a sua insaputa, ho trovato il titolo del disco, Mike Harakis che mi ha permesso di non scivolare sul terreno pericoloso che può essere una lingua non tua, in questo caso l’inglese, ed infine Roberto Molinelli cui ho chiesto di visualizzare con una sua opera il senso di questa operazione. Tutti i titoli delle canzoni presenti nel disco partono da suggestioni legate alle parole usate ed abusate in questo periodo, spesso con quella tipica retorica nella quale il mondo politico e dell’informazione nuota con estrema facilità, soprattutto nei momenti di estrema difficoltà sociale come quello che abbiamo appena subito. Ma tutti i brani in realtà poi affrontano argomenti che poco hanno a che fare con quello che sembrerebbe essere l’oggetto richiamato dal titolo. Insomma una mia forma, pubblica e privata al tempo stesso, per esorcizzare il buio provocato dal virus, il tutto affrontando altri tipi di oscurità.
Perché l’oscurità si nasconde in luoghi altrettanto insidiosi come un virus pandemico.”

 

  1. The wisdom tooth 3:20
  2. At the park 1:53
  3. Montage 2:33
  4. Entry to the disco 0:55
  5. Before the buzz (slow version) 2:59
  6. Buzz at the disco 2:27
  7. No vegan 2:08
  8. The party continues 7:11
  9. Litigious lovers 1:43
  10. Temple of sex 4:00
  11. I’ve had enough of you (wisdom remix) 5:24
  12. Vision on the terrace 1:33
  13. Before the jump 4:28
  14. Another disturbing ambient 2:12
  15. Before the end 3:12

Tutte le composizioni sono composte da Pivio

tranne 11, 14, 15 (Pivio – A.De Scalzi)
Ed. Creuza S.r.l.
tranne 14, 15 Flipper S.r.l.
Pivio: synth, piano, arp2600, vcs3, percussioni
Registrato e missato al Trancendental Studio (Roma)
Masterizzato da Massimiliano Nevi al BitBazar (Roma)
Rita Giacalone: grafica per BitBazar (Rome)
Prodotto da Pivio

BUY CD €11
BUY DIGITAL €7Share
  1. Cryptomnesia Pivio 4:50

Pin It on Pinterest

Share This